I vantaggi del mangiare bio

Alla scoperta del mondo bio: quali sono i vantaggi?

“L’industria alimentare del biologico non utilizza sostanze chimiche e rispetta i cicli della terra.”

Se vi state chiedendo perché mangiare Bio, tante persone si avvicinano al cibo biologico per motivi diversi che possono essere riassunte in tre macro aree, motivi:

  • Etici;
  • Ambientali;
  • Di benessere.

Le tante persone che si sono avvicinate al cibo naturale hanno favorito l’industria alimentare del biologico che nel frattempo è cresciuta in tutto il mondo.
Se non avete ancora chiara cosa significa la parola Bio:

“Il concetto di biologico è opposto a quello di OGM.”

Le caratteristiche del cibo biologico:

  • Il cibo è sano e più saporito ;
  • Frutta e verdura sono coltivate senza l’uso di pesticidi sintetici o fertilizzanti artificiali;
  • Assenza di antibiotico ;
  • Previene il deposito e velocizza lo smaltimento di tossine chimiche nel corpo ;
  • Possiede più antiossidanti ;
  • La carne e il latte possiedono il 50% in più di acidi grassi Omega-3 ;
  • Accelera la guarigione ;
  • Assenza di ormoni di sintesi;
  • Ha un effetto protettivo, ricostituente e anti-age;
  • Stimola la rigenerazione di organi e tessuti;
  • E’ ricco di principi attivi e vitali;
  • Rafforza il metabolismo e le difese.

Perché mangiare biologico

I motivi non riguardano solo la nostra salute e vanno oltre il discorso nutrizionale. Spesso chi sceglie di mangiare bio ha motivi legati a fattori ambientali e gli importa del benessere animale.
Tutti sanno cosa sia la cucina biologica, e molti l’associano ad una moda, ma in realtà è un approccio al nutrimento e al mangiare sano,
Mangiare BIO significa trovare prodotti che consentono la sperimentazione di un potenziale nutrizionale che è difficile da creare con i valori tradizionali.

Il cibo biologico aiuta a mantenere la nostra salute

L’equilibrio naturale, passa dagli acquisti di cibi biologici, prodotti che non contaminare la natura con additivi chimici o sfruttano intensivamente il bestiame.
Stiamo parlando dell’eco-compatibilità un valore che esprime l’impiego minimo di prodotti chimici riconosciuto dal punto di vista della normativa comunitaria, tanto che alcune regioni e province italiane si sono dotate di marchi per qualificare il prodotto della loro agricoltura, etichettandolo come Bio.

mangiare bio

A proposito di etichette Bio…

Un prodotto Bio venduto con l’etichetta Agricoltura Biologica deve necessariamente indicare:

  • Sigla del paese di provenienza;
  • Sigla dell’ente certificatore;
  • Data di raccolta;
  • Data di produzione;
  • Data di macellazione;
  • Codice dell’azienda.

Inoltre:
Un prodotto biologico è riconoscibile perche deve essere venduto in contenitori di plastica o altro materiale sintetico.

Gli organismi di certificazione

Sono 7, e sono riconosciuti con decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Di seguito l’elenco:

  • Biogracert (Ente certificatore per i prodotti Biologici);
  • Anccp (Agenzia nazionale di certificazione dei componenti e prodotti);
  • Imc (Istituto mediterraneo di certificazione);
  • Fair trade(per i prodotti equosolidali);
  • TransFair (per i prodotti equosolidali);
  • Demeter (per i prodotti biodinamici);
  • Ccpb (Consorzio per il controllo dei prodotti biologici).

Conclusione

I Pro: i cibi biologici possono costare un po’ di più ma portano con se una serie di vantaggi legati ai sapori naturali, inoltre sono sottoposti a controllati più severi sotto il punto di vista della coltivazione e dell’allevamento e soprattutto non contengono sostanze chimica.
I Contro: i cibi biologici freschi si conservano meno a lungo.